Güncel Haber Sitesi

Avrupa’da büyüme ve yatırım fonları birleştirilecek

0

Discutiamo degli sforzi volti a incoraggiare gli investitori nonostante l’incertezza economica che è diventata normale in Europa.

Discutiamo degli sforzi volti a incoraggiare gli investitori nonostante l’incertezza economica che è diventata normale in Europa. Per ripristinare la fiducia si prevede di combinare gli aiuti pubblici forniti dall’Unione europea con i prestiti nel quadro del piano di investimenti europeo.

I fondi UE consentiranno di aumentare nuovamente gli investimenti e di creare più occupazione?

Abbiamo posto queste domande ai nomi più competenti delle istituzioni europee.

L’incertezza economica è ormai diventata una situazione normale per tutti noi.

Abbiamo parlato con il vicepresidente per gli investimenti e il commissario per gli affari regionali della Commissione europea di come l’Europa sarà all’avanguardia nella creazione di opportunità di lavoro creando un ambiente di fiducia per gli investitori avversi al rischio.

Piano? Per finanziare progetti rischiosi che necessitano di denaro. Riunire le sovvenzioni dei Fondi europei per la costruzione e gli investimenti. Per i prestiti ottenuti dal Fondo europeo per gli investimenti strategici.

Idea? L’idea è che l’Unione Europea si assuma più rischi, i progetti sono sostenuti anche dalle risorse del settore privato. Ma a meno che tu non sia un burocrate dell’Unione Europea, potresti non avere molte informazioni su questi due fondi molto simili. Potresti anche sentire i nomi di questi fondi per la prima volta.

Se un cittadino ha bisogno di risorse per un progetto volto a creare posti di lavoro e contribuire alla crescita del suo territorio, deve rivolgersi alle autorità competenti.

Se la proposta è conforme al piano nazionale del settore o della regione in cui il Paese vuole crescere, viene valutata e approvata.

Il governo può elaborare un piano nazionale che includa tanti progetti quanti sono i progetti di una persona per beneficiare dei Fondi strutturali e di investimento europei.

454 miliardi di euro sono stati stanziati dal bilancio dell’UE a questo fondo per aiutare i paesi a colmare le lacune negli investimenti pubblici con sovvenzioni fornite da 5 diverse fonti nell’ambito del Fondo europeo per gli investimenti strutturali.

Le autorità competenti dei governi e dell’Unione Europea gestiranno insieme il fondo nell’ambito del piano nazionale generale da loro concordato.

Il governo gestisce i fondi dei fondi SIE per i progetti, come qualsiasi progetto dei cittadini

D’altra parte, esiste un secondo fondo chiamato Fondo Europeo per gli Investimenti Strategici (FEIS), che fornisce risorse e garanzie finanziarie dell’UE ai singoli progetti. Un cittadino comune può presentare domanda direttamente a questo fondo.

Poiché non si tratta di una sovvenzione nazionale o di un aiuto governativo, gli investitori devono soddisfare criteri rigorosi.

Ma una volta approvato iniziano a prendere i soldi

Il FEIS funge da garante per quanto riguarda gli studi di fattibilità per i proprietari di progetti rischiosi al fine di attirare più investitori privati.

Il corrispondente di euronews Maithreyi:

“Abbiamo discusso della questione con Corina Cretu, commissaria alle Politiche regionali della Commissione europea. È la donna che gestisce i fondi strutturali e di investimento. L’altro nostro ospite è Jyrki Katainen, vicepresidente della Commissione responsabile per l’occupazione, la crescita, gli investimenti e la competitività”.

Maithreyi:

Che cosa abbiamo riscontrato nei fondi strutturali e anche nei risultati ottenuti dal FEIS in termini di creazione di posti di lavoro?

Corina Cretu, commissaria europea per la Politica regionale:

“Abbiamo una valutazione di ciò che abbiamo fatto con i fondi tra il 2007 e il 2013. Sono stati creati più di 1 milione di posti di lavoro e in questo momento sto parlando di posti di lavoro diretti creati, ovviamente, se consideriamo i lavori indiretti, questi possono raddoppiare o triplicare. “Sono nate più di 40mila PMI – piccole e medie imprese, attualmente stiamo lavorando insieme per ottenere la massima efficienza dal fondo esistente per il periodo 2014-2020, che ammonta a circa 600 miliardi per 28 paesi.”

Jyrki Katainen, vicepresidente della Commissione responsabile per l’occupazione, la crescita, gli investimenti e la competitività:

“Quando abbiamo lanciato il Fondo europeo per gli investimenti strategici (FEIS), pensavamo che avrebbe creato 1,3 milioni di nuovi posti di lavoro. Tuttavia, l’Organizzazione internazionale del lavoro afferma che l’impatto sarà di 2,1 milioni di nuovi posti di lavoro”.

Maithreyi

A questo punto penso che sia il momento giusto per il parere di un esperto. La nostra prima domanda viene da Grégory Claeys, un ricercatore del think tank Bruegel:

“Può spiegare perché i fondi regionali e i fondi FEIS dovrebbero essere utilizzati insieme, anche se hanno finalità e distribuzione geografica molto diverse?”

Ho pensato:

“È vero che le normative differiscono l’una dall’altra. Abbiamo spiegato come rendere questa combinazione molto più semplice nella valutazione del nostro quadro finanziario pluriennale. Inoltre, per rendere la nostra idea molto più semplice; Semplificare questa opzione di compatibilità e costo è qualcosa su cui stiamo lavorando dopo il 2020”.

Bardana:

Tutti sanno che la Grecia ha un’economia basata sulle PMI. Allo stesso modo, anche il turismo gioca un ruolo molto importante. D’altro canto, le PMI non possono ricevere un sostegno sufficiente dalle banche; perché le banche hanno difficoltà con un sistema creditizio disfunzionale.
Possiamo creare una piattaforma di investimento per le PMI greche che operano nel settore del turismo, dove i fondi strutturali possono fornire capitale. Il FEIS e alcuni investitori privati ​​possono fornire capitale e poi il FEIS può fornire prestiti a lungo termine e relativamente economici per le PMI.”

Maithreyi:

C’è un problema di sinergia qui?

Bardana:

È solo una questione di buon senso riunire diverse fonti di finanziamento.

Ho pensato:

“In caso di rischio, ovviamente, abbiamo piani a lungo termine con basi più solide. “Per gli investitori privati ​​che prenderanno l’iniziativa, oltre al fondo FEIS, lo status di investitori privati ​​nella politica di conformità costituisce una garanzia che si tratta di un progetto forte e ben fondato.”

Maithreyi:

Vedremo ulteriori diminuzioni dei progetti nei settori finanziati dai fondi strutturali? Ad esempio, nelle università?

Ho pensato:

“Investiremo innanzitutto in ricerca, innovazione e digitale. Ci sarà un rallentamento nei progetti legati alle infrastrutture. Si tratta di un’esigenza particolarmente importante per l’Europa centrale e orientale, poiché la connettività tra queste parti è una questione importante. Allo stesso tempo, dobbiamo unire le forze con l’innovazione per queste regioni”.

Bardana:

“Se dovessi scommettere, direi che in futuro la stragrande maggioranza dei fondi strutturali continuerà ad essere basata su sovvenzioni e che vedremo anche più strumenti fiscali. Perché questo è un modo più efficace di utilizzare le risorse dell’Unione Europea o pubbliche”.

Maithreyi:

Penso che questo sia un punto diverso e interessante in cui possiamo consultare il parere di un altro esperto; Ascoltiamo l’esperto Mathias Dolls del Dipartimento di ricerca economica europea dello ZEW tedesco:

“Il FEIS ha una visione a lungo termine per il dopo 2020? Ad esempio, nel rapporto dei capi di 5 istituzioni dell’UE, si è discusso del fatto che l’EFSI potrebbe essere trasformato in un meccanismo di equilibrio per la zona euro. È un’opzione praticabile?

Bardana:

“Il FEIS non è la soluzione migliore. Perché quando la disoccupazione aumenta, i sussidi svolgono un ruolo importante, cioè stabilizzano la situazione attuale. Mentre osserviamo che l’EFSI diventa in una certa misura uno strumento permanente nei nostri paesi membri, potrebbe successivamente diventare un indicatore di fallimento del mercato nei paesi sottosviluppati. “Non esagererò la funzione di stabilizzazione automatica del FEIS, ma potrebbe avere del lavoro da fare nel prossimo futuro.”

Maithreyi:

Come saranno le condizioni di investimento in Europa nel 2017?

Bardana:

“Tutta questa incertezza proveniente dall’esterno dell’Europa, e talvolta anche dall’interno, è come un veleno per gli investimenti.
Vogliamo sottolineare l’importanza dell’economia mondiale basata su regole, il commercio basato su regole è il modo per modellare la globalizzazione e migliorare l’ambiente per gli investimenti. “Questo è il problema su cui ci stiamo concentrando”.

Ho pensato:

“Penso che, come ha detto Jyrki, l’Unione Europea manterrà il suo posto di attore principale nel mondo con i risultati da raggiungere”.

Maithreyi

“Grazie mille a entrambi per aver spiegato un argomento così complesso.”

Cevap bırakın

E-posta hesabınız yayımlanmayacak.

Bu web sitesi deneyiminizi geliştirmek için çerezleri kullanır. Bununla iyi olduğunuzu varsayacağız, ancak isterseniz vazgeçebilirsiniz. Kabul etmek Mesajları Oku

gaziantep bayan escort antep escort